Stare e Gerundio – Utilizzo

Se qualcuno chiede

Che cosa fai?

Posso rispondere

Lavoro in una ditta che esporta prodotti tipici toscani

oppure

Faccio una passeggiata.

Ma se la domanda è

Che cosa stai facendo?

l’intenzione di chi la pone è sapere cosa faccio in quel momento, e dunque posso rispondere

Sto facendo una passeggiata.

Anche in italiano esiste il presente progressivo, che si forma con il verbo STARE più il GERUNDIO del verbo scelto per descrivere l’azione in corso di svolgimento. L’idea che do con questo tipo di costruzione è che l’azione si distribuisce nel tempo, si allunga in esso.

Il gerundio si forma nel modo seguente

ANDARE – ANDANDO

CREDERE – CREDENDO

SENTIRE – SENTENDO

I verbi irregolari al gerundio sono gli stessi che hanno l’imperfetto irregolare, ossia

FARE – FACENDO

BERE – BEVENDO

DIRE – DICENDO

verbi che finiscono in URRE, come TRADURRE – TRADUCENDO

verbi che finiscono in ORRE, come PORRE -PONENDO

Se alla solita domanda

Che cosa stai facendo?

Rispondo

Sto per uscire

informo il mio interlocutore del fatto che da lì a pochi minuti uscirò, quindi do l’idea che la mia azione comincerà in un futuro molto prossimo, molto vicino.

Questa seconda costruzione è nota come STARE PER + INFINITO e, insieme a STARE + GERUNDIO, è molto usata dagli italiani.

Le due costruzioni formano il passato con il verbo STARE all’imperfetto, proprio per dare l’idea che la mia azione si allunga nel tempo.

Ieri, quando mi hai telefonato, stavo guardando un film alla tv.

Ieri, quando mi hai telefonato, stavo per andare a letto.